Covid-19: la Confconsumatori raccomanda di uscire solamente per motivi indispensabili e comprovati

Si invitano gli esercenti ad evitare azioni speculative

Nonostante le rassicurazioni del Governo sulla continuità nei rifornimenti delle scorte di beni essenziali continuano a vedersi persone che circolano in città ed assembramenti nei pressi dei negozi e degli uffici pubblici. La quarantena è stata disposta proprio per evitare che il coronavirus si propaghi e che possa colpire soprattutto i più deboli (anziani e ammalati): purtroppo però il richiamo non è stato compreso appieno, probabilmente perché molti vedono il problema lontano da loro. Non ci si rende conto, purtroppo, che il virus è più vicino di quello che si possa credere tanto che a pochi chilometri da noi ci sono già diverse zone rosse, completamente chiuse. Ad Altamura i casi di persone positive al tampone del Covid-19 continuano ad aumentare e di conseguenza anche i decessi e, considerando che gli esperti prevedono a breve il picco dei contagi, se si continua così anche la nostra città potrebbe rientrare tra le zone chiuse.

Invitiamo pertanto tutti a collaborare con le istituzioni e a rimanere in casa il più possibile. Ricordiamo che si può uscire di casa solamente per:

–              comprovate esigenze lavorative dimostrando che si sta andando o tornando dal lavoro;

–              assoluta urgenza per spostamenti all’interno o fuori dal Comune per portare il proprio animale dal veterinario o portare i familiari nel loro domicilio, ma anche rientro dall’estero, denunce di reati, obblighi di affidamento di minori, assistenza a congiunti o persone con disabilità;

–              situazioni di necessità per gli spostamenti nello stesso Comune per fare la spesa, andare in edicola, dal veterinario o recarsi in tutte quelle attività commerciali rimaste aperte perché ritenute essenziali;

–              motivi di salute che rendono lo spostamento indispensabile, giustificabile e non procrastinabile.

Contestualmente sono stati segnalati aumenti più o meno marcati e non giustificati dei prezzi dei beni di prima necessità e sui prodotti che millantano protezione e cura per il coronavirus con incrementi anche rilevanti rispetto a quelli di qualche mese fa. Invitiamo al buonsenso ed alla correttezza etica i commercianti affinché non infieriscano con azioni speculative su consumatori e famiglie già provati. La ConfConsumatori di Altamura condivide l’appello della Sindaca Melodia ed assicura, come sempre, la continua vigilanza riservandosi di segnalare e denunciare, ove necessario, gli abusi e le situazioni anomale alle Forze dell’Ordine per promuovere, alla fine dell’emergenza, azioni a tutela dei consumatori contro i commercianti e le aziende che si sono rivelate scorrette.

Condividi su:

Covid-19: chiusura al pubblico dell’uffico Confconsumatori di Altamura

Nel rispetto delle Ordinanze concernenti il Covid-19 anche noi della Confconsumatori di Altamura abbiamo ritenuto di doverci adeguare alle misure per il contenimento del contagio interrompendo tutte le attività fino a quando si riterrà opportuno.

La nostra sede rimarrà pertanto chiusa e sono sospesi gli orari di ricevimento al pubblico.

Ci scusiamo per il disagio, ma è una scelta necessaria per la difesa della salute di tutti.

Alla riapertura della sede ci occuperemo di mettere a disposizione degli utenti la modulistica per chiedere i rimborsi compensativi per le prestazioni interrotte o mai effettuate causa emergenza sanitaria.

Per tamponare eventuali urgenze relative a problematiche derivanti dall’attuale situazione di emergenza, i nostri associati potranno comunque contattarci scrivendo all’indirizzo mail confconsumatorialtamura@live.it o chiamando uno dei seguenti recapiti telefonici:

360995401 (Michele Micunco)

3337081986 (avv. Giuseppe Pignatelli)

3392944879 (avv. Maria Domenica Ventricelli)

Condividi su:

Distribuzione nuovo Questionario Raccolta Rifiuti

Si tratta della seconda distribuzione con il modulo ampliato ed aggiornato

Ad un anno dalla presentazione dei risultati del primo questionario sulla raccolta differenziata col metodo del “porta a porta”, parte la seconda fase che prevede la distribuzione di un nuovo stampato con una serie di domande a cui i privati cittadini e le aziende di Altamura potranno rispondere. Quarantadue sono i quesiti -alcuni già inseriti nel primo questionario più altri nuovi di zecca- che analizzeranno la situazione e forniranno spunti di riflessione e suggerimenti che saranno girati alla Teknoservice per perfezionare il servizio.
Il modulo preposto parte dalla terzietà che sempre caratterizza la Confconsumatori di Altamura la quale, non essendo direttamente interessata e coinvolta nella prestazione del servizio come lo è invece l’azienda, si trova nella condizione privilegiata di sviluppare un questionario libero da qualsiasi condizionamento, assolutamente obiettivo e non alterato da alcunché.
Si esprime, però, rammarico per la rilevazione effettuata anche dalla Teknoservice che potrebbe essere viziata e distorta perché “dimentica” di coinvolgere, nella fase di studio, i cittadini e le associazioni che li rappresentano: ricordiamo infatti che la Confconsumatori ha sottoscritto una convenzione che impegna il gestore del servizio ad interfacciarsi con la nostra associazione per dare valore ed obiettività alle rilevazioni che, ricordiamolo, sono obbligatorie e previste nel contratto stipulato ad opera di un ente terzo, nello specifico la Confconsumatori. E la conferma della nostra effettiva imparzialità si è avuta durante la presentazione dei risultati della prima indagine durante l’assemblea pubblica del 18 febbraio dello scorso anno alla presenza compiaciuta dell’azienda e dell’amministrazione comunale.

Condividi su:

Rassegna “Libri a km zero: dal produttore al consumatore”

La presentazione dei libri della Confconsumatori di Altamura prende il via venerdì 29 novembre

Parte venerdì 29 presso l’Aula Consiliare del Comune di Altamura il progetto LIBRI A KM ZERO: DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE, la rassegna della Confconsumatori di Altamura che si propone l’obiettivo di sperimentare attraverso la presentazione di libri la valorizzazione, il sostegno promozionale e la pubblicazione di autori locali che attraverso le loro capacità rappresentano e descrivono elementi identitari del nostro territorio, mettendoli a confronto prioritariamente con la propria comunità. I quattro testi facenti parte del progetto verranno presentati in serate allegre e briose, tra reading e interventi musicali con interpreti locali.

1)            PAUSE di Maria Grazia Panunzio. Originaria di Lesina (FG) e laureata in traduzione ed interpretariato, l’autrice presenterà il suo nuovo libro di poesie caratterizzate dalla presenza di testi liberi e digressivi e si confronterà con autori locali chiamati ad una lezione di scrittura creativa. Il libro che verrà presentato venerdì 29 novembre h. 19.00 c/o l’Aula Consiliare del Comune di Altamura, sarà presentato da Michele Micunco (presidente della Confconsumatori di Altamura) con intermezzi musicali del musicista Francesco Moramarco.

2)            NOI E GLI ALTRI INSIEME: si tratta della ristampa di una raccolta di scritti a più mani in cui ritornano a rivivere gli elaborati di un diario di classe della V^ D della scuola Roncalli dell’anno scolastico 1973-74 che furono all’epoca raccolti dall’insegnante, ora dirigente scolastico in pensione, Tommaso Cardano. Nel libro si ritrova un amarcord unico ed originale, a volte esilarante e ricco di emozioni, relativo ai costumi ed alle evoluzioni culturali del territorio raccontati dagli alunni di una classe elementare alle soglie della adolescenza. Descritto meglio di tante altre pubblicazioni, nel libro si ritrova quello che eravamo, con la comunità e le consuetudini culturali che evidenziano i profondi cambiamenti accaduti in città nel corso di oltre 40 anni. Ne parleranno martedì 3 dicembre h. 18.15 c/o Aula Consiliare del Comune di Altamura assieme al giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Onofrio Bruno Lucrezia Stellacci (già dirigente dell’ufficio scolastico della Regione Puglia), Pasquale Cascella (ex portavoce del Quirinale) e Tonia Rita Carulli (dirigente scolastico della scuola elementare Roncalli).

3)            IL TEMPO DEL MONDO di Michele Micunco. Si tratta della terza raccolta antologica del fondatore ed attuale presidente della Confconsumatori di Altamura in cui le poesie ed i racconti sono legati a temi di attualità e a visioni del mondo che partono e ritornano sempre dalla nostra terra di origine. Il libro verrà presentato mercoledì 4 dicembre alle ore 19.00 presso l’Aula Consiliare del Comune di Altamura alla presenza di Rosa Melodia (sindaca di Altamura) e Pietro Pepe (già presidente della Giunta Regionale) con le voci narranti di Lisa Falagario, Angelo Michele Di Donna, Lillino Calia, Maria Moramarco e le musiche in poesia di Carlo Lamanna e Luigi Bolognese.

4)            IL ROMANZO DEL PANE di Nicola Caggiano. Opera postuma del Direttore Provinciale della Confesercenti di Bari, per la prima volta nella storia letteraria di Altamura si affronta il prodotto principe agroalimentare della nostra città partendo dalle origini più remote e sconosciute per analizzare negli aspetti più profondi, culturali, scientifici e antropologici. L’incontro si svolgerà domenica 8 dicembre alle h. 18.00 presso la sala Tommaso Fiore del GAL “Terre di Murgia” e presentati da Ferdinando Mirizzi (direttore del dipartimento del Mediterraneo UNIBAS) vedrà interventi di Massimiliano Scalera (presidente del GAL Terre di Murgia), Rosa Melodia (sindaca di Altamura), Michele Micunco (presidente Confconsumatori di Altamura) e Michele Saponaro (responsabile ufficio stampa Polo Museale della Basilicata) e musiche in poesia di Maria Moramarco e Luigi Bolognese.

Condividi su:

Pronto Soccorso “Perinei”: la proposta della Confconsumatori di Altamura

La Confconsumatori lavora da sempre per superare gli ostacoli e le problematiche a volte drammatiche che la mancanza di personale crea. Sapere che nel giro di poco più di un mese si sono verificati due casi di pazienti -di cui una deceduta- che sono state abbandonate per ore senza alcuna assistenza medica nei corridoi di una struttura di fondamentale importanza quale è un Pronto Soccorso, non può certamente lasciarci indifferenti.

«Ci stiamo quindi attivando -ha dichiarato il presidente Michele Micunco- per formalizzare una richiesta da sottoporre alla Direzione Sanitaria dell’Ospedale della Murgia per l’apertura di uno sportello permanente della Confconsumatori che raccolga sul campo -direttamente presso la struttura ospedaliera- contestazioni, lamentele, ma anche consigli e suggerimenti da parte dei degenti e dei loro familiari a supporto e per la difesa e tutela dei diritti dei malati. Non vogliamo porci con la nostra richiesta in contrasto con nessuno -precisa Micunco- ma miriamo solamente a migliorare il servizio spronando i responsabili ad avere una maggiore considerazione e rispetto della dignità dei pazienti che troppo spesso sono considerati semplicemente dei numeri.»

Condividi su:

Prime vittorie della Confconsumatori di Altamura contro il Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia

I ricorsi promossi dall’ufficio legale della Confconsumatori di Altamura per conto dei cittadini proprietari di fondi contro il Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia stanno ottenendo le prime importanti vittorie. Stanno infatti ottenendo accoglimento le prime richieste (a cui altri accoglimenti presto seguiranno) avviate dagli avv.ti Giuseppe Pignatelli e Maria Domenica Ventricelli per ottenere l’annullamento delle cartelle che hanno imposto il contributo indipendentemente dal beneficio fondiario ottenuto.

«Si tratta di uno straordinario risultato ottenuto congiuntamente dalla Confconsumatori di Altamura che collaborando con la C.I.A. (Confederazione Italiana Agricoltori) ha fatto ricorso alla Commissione tributaria per l’illegittimità di un balzello incostituzionale perché non basato su un beneficio effettivamente usufruito» hanno dichiarato i legali i quali auspicano adesso «che la politica faccia la sua parte ed intervenga a risolvere le problematiche di un tributo che nei termini attuali è infondato poiché la sussistenza del beneficio (che deve essere specifico e diretto) deve essere provata necessariamente dal Consorzio che richiede il pagamento dei contributi consortili».

I ricorsi attuali costituiscono un secondo blocco di procedure per l’impugnazione del contributo consortile per l’anno 2015 dopo quello avviato tempo fa per l’impugnazione del contributo 2014 per il quale la giurisprudenza delle Commissioni si è divisa, tra accoglimenti e rigetti. Oggi, con l’intervento di una importante sentenza della Corte Costituzionale in materia, si consolida la tesi di infondatezza, illegittimità e incostituzionalità del contributo richiesto dal Consorzio, almeno nelle modalità attuali.

Condividi su:

Tariffe a 28 giorni per telefonia fissa: confermati i rimborsi

La sentenza definitiva depositata al Consiglio di Stato ha respinto il ricorso di Wind 3, Vodafone e Fastweb (quello di Tim seguirà a breve e non c’è ragione di credere che vi si discosti, dato che la vicenda e le ragioni delle parti sono le stesse) che dovranno rimborsare i giorni erosi con le tariffe 28 giorni agli utenti di telefonia fissa che non accettano misure compensative.

La notizia definitiva riguarda circa 10 milioni di utenti di telefonia fissa che l’aspettavano da due anni circa. Le motivazioni della sentenza arriveranno prossimamente, ma è assodato che il giudice ha respinto la richiesta degli operatori di abolire i rimborsi stabiliti da Agcom.

Significa che dovranno restituire i giorni erosi – e si arriva in certi casi, a seconda di quando si è abbonato l’utente a oltre un mese di canone gratuito. È sempre data la possibilità di convincere gli utenti ad accettare le misure compensative ai rimborsi, ma se questi non le accettano avranno diritto ai giorni gratis (tecnicamente, significa che la data di addebito del canone verrà spostato in avanti di una quantità di giorni equivalente a quelli sottratti nel periodo in cui gli operatori facevano pagare ogni 28 ogni anziché una volta al mese; ossia si tratta di 2-3 giorni da recuperare per ogni “mensilità” impattata dalla pratica).

I tre operatori quindi nei prossimi giorni saranno costretti a comunicare i rimborsi agli utenti che non hanno accettato le misure compensative (bonus, regali, GB in omaggio) che dovranno ora valutare bene le misure compensative e capire se accettarle o aspettare i rimborsi per Wind 3, Vodafone e Fastweb, mentre i clienti Tim dovranno ancora aspettare.

Fonte: La Repubblica

Condividi su:

Nuova segnaletica più chiara per le ZTL

La dicitura “varco attivo” dovrà essere sostituita perché dà adito ad equivoci. La multa ricevuta è annullabile. Informazioni e supporto presso la sede Confconsumatori.

Nelle linee guida del ministero dei Trasporti, la nuova segnaletica per avvisare gli automobilisti che le telecamere sono accese e che non si può passare, diventa “Ztl attiva”. Scompare per sempre la segnaletica con la scritta “varco attivo” in prossimità delle Ztl (zone a traffico limitato): i Comuni dovranno rimpiazzare la vecchia scritta con una dicitura più chiara e coerente. Questo perché la parola “varco un un ”, nella lingua italiana, significa “passaggio” e non “controllo”. Tant’è che, alla vista “varco attivo”, più di un conducente ha creduto, sino ad oggi, di poter transitare senza infrangere il Codice della strada salvo poi vedersi notificata a casa una contravvenzione.

La scritta “varco attivo” per le Ztl diventa quindi illegittima. A cancellare l’equivoco che in tutti questi anni e costato diverse multe agli automobilisti sono le linee guida appena approvate dal ministero dei Trasporti e diffuse ai Comuni. Un apposito paragrafo delle nuove istruzioni sulle Ztl è dedicato proprio alla segnaletica delle Ztl per garantire una maggiore trasparenza e comprensione agli utenti della strada. In pratica, da oggi in poi, oltre alla segnaletica con il simbolo Ztl, dovremo trovare scritto “Ztl attiva” quando il divieto di transito è in vigore oppure “Ztl non attiva” quando il divieto non è in vigore.

La multa illegittimamente ricevuta può quindi essere annullata. Per informazioni potete rivolgervi presso la sede della Confconsumatori di Altamura in Via Giandonato Griffi 14 il martedì e il giovedì dalle 19.00 alle 21.00 e per i ricorsi direttamente il venerdì (giorno di ricevimento dei legali) sempre dalle 19.00 alle 21.00.

(Fonte: La legge per tutti)

Condividi su:

Le multe sulla SS 96 sono annullabili

La Confconsumatori di Altamura è a disposizione degli utenti

La risposta del Prefetto di Bari alla segnalazione del consigliere regionale Mario Conca dà la possibilità di impugnare per nullità, per diversi motivi di fatto e giuridici, le multe comminate per eccesso di velocità agli automobilisti in transito sulla S.S. 96, nella zona di Mellitto, ricadente nell’ambito del territorio comunale di Grumo Appula.
I nostri legali Giuseppe Pignatelli e Maria Domenica Ventricelli sono a disposizione degli automobilisti beffati da queste multe illegittime per fornire informazioni o per impugnare i verbali presso la sede della Confconsumatori di Altamura in via Giandonato Griffi n. 14 il venerdì dalle 19.00 alle 21.00.

Condividi su:

Whatsapp, virus infetta con una chiamata

(ANSA) – ROMA, 14 MAG – Un virus ha infettato diversi smartphone soltanto attraverso una chiamata tramite Whatsapp, senza bisogno che ci fosse una risposta. Lo ha rivelato la compagnia controllata da Facebook, un cui portavoce ha spiegato che il numero di dispositivi infetti è di ‘alcune dozzine’, e che il problema è stato scoperto all’inizio di maggio.

Condividi su: